Pubblicare o non pubblicare, pubblicare o non pubblicare,…

Questa è la domanda che mi sono posta prima di cliccare “pubblica”. Non perché non sono convinta di ciò che ho scritto. Assolutamente no. Credo in ogni parola scritta ma non so se ciò che ho imparato negli ultimi mesi vi sciocca. Sono però convinta che vi aiuterà e per questo motivo ho cliccato “pubblica”. Ed eccoci qua.

Premessa: leggete questo articolo pensando che l’ho scritto con occhi lucidi. È una lezione di vita che sto ancora digerendo e la voglio condividere con voi perché so che siete sognatrici. Avete grandi piani nella vostra vita ma spesso vi sentite bloccate. Mettetevi comode e buona lettura.Poltrona pinkIl titolo di questo articolo dice già molto di dove voglio andare a parare ma lasciate che vi spiego meglio cosa intendo dire.

Vi sarete forse accorte che amo organizzare eventi, collaborazioni, pianificare nuovi progetti,… Sono sempre piena di ispirazione e realizzare idee mi dà una grande gioia e soddisfazione. La mia motivazione però ha un limite. Ci sono sogni che sono talmente grandi che non posso realizzarli da sola. Ad esempio vorrei registrare una nuova canzone e per questo ho bisogno una band che mi accompagna. Oppure desidero migliorare la qualità del blog e avrei bisogno qualcuno che ne sa più di me in fatto di informatica e programmazione.

Adesso penserete “Sì ma la band la puoi pagare e un informatico pure, dove sta il problema?”.

Il problema sta che vorrei avere qualcuno che crede nell’idea, nel progetto, nella mia visione e non ingaggiare semplicemente qualcuno. L’esperienza mi ha insegnato che i progetti hanno tutta un’altra importanza e significato se le persone con cui collaboro credono nella stessa visione.

Naturalmente non sto parlando di costruire una casa. In questo caso si ingaggia una ditta di costruzioni e basta. Parlo di progetti creativi, sogni che vogliono cambiare il mondo (ok, forse esagero un pochino), idee che vogliono aiutare persone,…

Per trovare gente con cui lavorare ad un sogno dobbiamo prima credere nel nostro sogno. Solo così potremo far passare la nostra passione alle persone con le quali vogliamo lavorare. Non possiamo pretendere che la gente ci aiuta a realizzare ciò che desideriamo se noi stesse non siamo convinte di ciò che vogliamo fare.

A nessuno importa del nostro sogno. L’idea è nelle nostre mani, nel nostro cuore e nessuno ha la nostra stessa idea.

Questa è la magia dei sogni.

Ma allo stesso tempo ci dà una grande responsabilità perché il sogno diventa realtà solamente se noi ci mettiamo al lavoro e appassioniamo le persone intorno a noi.

Save

Save

Save

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

84 − 78 =