Un weekend può iniziare in due modi: alle 11.30 con i postumi di una sbornia oppure alle 8.00 al mercato della frutta e verdura. Il mio weekend è iniziato con l’opzione due. 🙂

Mio marito quel sabato aveva un workshop che lo avrebbe occupato per tutto il weekend e io ho pensato di tenermi occupata con cose che mi fanno bene e piacere per non sentire troppo la solitudine. Ho dunque deciso di prendere la bicicletta nuova di zecca (o meglio, appena ricevuta dalla nonna che a 82 anni ha deciso di smettere di andare in bici… saggia decisione visto che qualche mese fa è caduta!) e fare un giretto al mercato. Avevo urgentemente bisogno di riempire il frigorifero con verdura e frutta e il mercato è il posto ideale per compare questi prodotti. Poi ormai lo sapete, più è bio e naturale e più mi piace. 🙂 Al mercato di Zurigo-Altstetten ci sono dei contadini locali che vendono i loro prodotti. Ci sono pure dei negozi di fiori e erbe aromatiche della zona che espongono le loro piante.

mercato della frutta e verdura a Zurigo
Diversi fiori in esposizione al mercato di Zurigo Altstetten

La città di Zurigo ha diversi mercati che potete trovare in diverse zone. Uno dei più belli è quello al Bürkliplatz, direttamente al lago ed è molto grande. Se è una giornata soleggiata ve lo consiglio vivamente. Io sono stata a quello più vicino a casa e, parlando tra noi, è pure quello meno bello della città secondo me. Però appunto, è vicino a casa e ha tutto ciò che necessito. La lista completa dei mercati a Zurigo la potete trovare al seguente sito: http://www.zuercher-maerkte.ch

La mia spesa:

  • un cavolfiore (per la gioia di mio marito… sono ironica)
  • sedano
  • carote
  • pomodori
  • patate dolci
  • cipollotti
  • e una rapa

cestino di verdura fresca dal mercato

Sono veramente contenta e un pochino fiera di essermi forzata a fare un giro in bici da sola. Sembra una cavolata ma per me non lo è affatto. Il weekend non amo affatto essere sola o fare cose da sola. Non so dirvi il perché. Voi intraprendete volentieri avventure da sole?

Con affetto

La firma di Sally

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 2 = 3