Tema scottante!

È normale che una persona di fede, che crede in Dio con tutto il suo cuore, che basa la sua vita sull’amore e la speranza possa soffrire di depressione?

Ebbene sì.

Come ben sapete credo in Dio e ho una relazione personale con Lui. (per saperne di più leggi qui). Nonostante la mia fede ho sofferto di depressione. Mi sono fatta mille sensi di colpa, mille pensieri del tipo “Non dovrei essere triste” ” Ma cosa penseranno gli altri di me” “Se sono depressa significa che Dio non mi ama” “La mia chiesa se viene a sapere che soffro di depressione penserà male di me”,….

Guardando Lugano dall'alto

Ma perché anche se basavo la mia vita su forti fondamenta sono crollata in un buco così profondo?

La risposta è semplice: ho dimenticato le mie emozioni. Non ascoltavo me stessa. Ascoltavo ciò che mi dicevano gli altri all’interno della chiesa che frequentavo. A lungo andare era chiaro che mi sarei completamente persa e sarei crollata. Attenzione, non sto dicendo che non sia giusto ascoltare gli altri, anzi. Credo sia fondamentale però ascoltare gli altri essendo “in contatto” con se stessi, senza perdersi di vista. Il mio focus era sempre sugli altri, cosa pensano di me, come “vogliono” che agisco, come ci si deve comportare come “vero” cristiano,…

Questo meccanismo lo vedo in moltissime persone credenti. Si perdono nei mille input che ricevono dalle diverse chiese e perdono sé stesse e le proprie emozioni. Questa dimenticanza di sé stessi può portare alla depressione. Ecco perché anche persone con una forte fede in Dio possono cadere in depressione. Ed è esattamente quello che ho vissuto io.

E se le emozioni che provo sono negative? Ad esempio odio, gelosia, “pensieri impuri”, paura… Cara mia, questi sentimenti fanno parte della vita, fanno parte del tuo essere donna, fanno parte del processo di crescita. Certo sono noiosi, dolorosi e faticosi ma ci sono perché ci servono, perché ci vogliono mostrare tematiche che dobbiamo ancora affrontare ed elaborare. Non dimentichiamo inoltre chi è il creatore dei sentimenti: Dio. Dio non ha creato solo l’amore, la gioia e la felicità. Lui ha creato tutte le emozioni che proviamo e le usa per mostrarci dove possiamo ancora lavorare al nostro carattere e alla nostra vita.

E ricorda: non sei cosa provi! Se provi odio non significa che sei una persona spregievole e non degna d’amore. Questo è un tema molto complesso che richiederebbe un articolo a parte. Se vuoi che scrivo un blogpost su questo tema fammi sapere nei commenti qui sotto

Anche se abbiamo la fede che ci dà speranza in un mondo pieno di schifezze (malattie, ingiustizie, attacchi terroristici,…) siamo persone “normali”, come tutte le altre. Anche noi abbiamo emozioni negative e possiamo averle. Permettiamo a noi stesse di sentire i nostri sentimenti, sensazioni, emozioni chissà cosa vuole dirci Dio.

Se soffri di depressione e anche tu hai gli stessi pensieri come gli ho avuti io posso solo dirti: ti capisco, so come stai, conosco il tremendo vuoto che c’è dentro di te. Non sei sola anche se è quello che provi al momento. Ti voglio incoraggiare a cercare una persona di cui ti fidi al 100% e con la quale ti senti a tuo agio per parlare con lei e affrontare insieme la tua situazione. Ci vuole molto coraggio a parlarne, lo so molto bene, ma ne vale la pena, te lo prometto.

Voglio incoraggiarti a non dimenticare te stessa. Anche se non sei credente e non frequentati una chiesa. Non dimenticare le tue emozioni, le tue sensazioni. Ti dico questo perché non auguro a nessuno ciò che ho vissuto io, cioè di cadere in depressione.

Con affetto

La firma di Sally

Save

Save

Save

Save

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

61 + = 68